Repubblica e Cantone Ticino

Dipartimento dell'educazione

della cultura e dello sport

Divisione della formazione professionale

Centro

Professionale

Sociosanitario

medico-tecnico

 

 

Formazione di aiuto massaggiatore per persone diversamente abili

 

Finanziamenti

 
 

Storia

Organizzazione

Calendario

Finanziamenti

 
 

 

Repubblica e Cantone Ticino

Il Consiglio di Stato, visto il progetto allestito dalla Scuola superiore medico tecnica (SSMT) di Lugano-Canobbio denominato "Formazione di aiuto massaggiatore per persone diversamente abili" che si svolge dal 1 ottobre 2006 al 30 giugno 2009; preso atto che dal preventivo allestito dalla SSMT risulta una spesa complessiva di 223'280.-- franchi; considerato che le entrate sono costituite da un contributo federale di 115'000.-- franchi erogato dall'Ufficio federale per le pari opportunità per le persone disabili (UFPD) e da altri contributi da parte di fondazioni e privati stimati 60'000.-- franchi; richiamati:

  • l'articolo 14, capoverso 3 della Legge cantonale sull'orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) del 4 febbraio 1998

  • l'articolo 49, capoverso 1, lettera b) del Regolamento della Lorform del 20 ottobre 1998;

su proposta del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport, risolve:

  1. La Scuola superiore medico tecnica (SSMT) di Lugano-Canobbio è autorizzata a svolgere il progetto "Formazione di aiuto massaggiatore per persone diversamente abili", nel rispetto del preventivo citato nei considerandi.

  2. La responsabilità pedagogica e finanziaria del progetto è affidata alla SSMT di Lugano-Canobbio che ha la competenza di scegliere i docenti a mandato e di attribuire ai docenti nominati e incaricati le ore necessarie per lo svolgimento del progetto.

  3. Le spese indicate nei considerandi relative alle quote salariali dei docenti nominati o incaricati, del direttore e della segreteria e i costi amministrativi sono a carico dei relativi conti del CRB 597, mentre le spese dirette indicate ai punti a2), a4), a5), b), c) e e) dei considerandi sono a carico del conto 318367/CRB 597, indennità e spese per progetto aiuto massaggiatore per diversamente abili. Il contributo federale è accreditato al conto 460004/CRB 597, contributo federale per corsi, mentre gli altri contributi sono a carico del conto 469017/CRB 597, contributi da terzi per progetto aiuto massaggiatore diversamente abili.

  4. Per l'anno 2007 al conto 318367/CRB 597, indennità e spese per progetto aiuto massaggiatore per diversamente abili è assegnato un credito di 55'000.-- franchi interamente compensato da un risparmio equivalente al conto 318015/CRB 595 indennità e spese per corsi professionali.

  5. La SSMT di Lugano-Canobbio è incaricata di procedere al recupero dei contributi e di stilare il rendiconto finanziario.

  6. Intimazione a: Scuola superiore medico tecnica (SSMT), Centro professionale di Trevano, 6592 Canobbio.

  7. Comunicazione a:

  • Dipartimento proponente;

  • Divisione della formazione professionale, Via Vergiò 18, 6932 Breganzona (per sé e per I' Ufficio amministrativo, delle finanze e del controllo);

  • Sezione delle finanze;

  • Controllo cantonale delle finanze.

Ufficio federale per le pari opportunità per le persone disabili (UFPD)

Il 26 settembre 2006 la Scuola superiore medico-tecnica di Lugano ha inoltrato all'Ufficio federale per le pari opportunità per le persone disabili (UFPD) una domanda di aiuto finanziario per il progetto "Formazione di aiuto massaggiatore per persone diversamente abili". In base alla documentazione presentata le finalità del progetto sono:

Introdurre - in un primo tempo a titolo sperimentale - un percorso formativo di aiuto massaggiatore per persone diversamente abili, in particolare per giovani disabili mentali.

In questo modo si intende offrire a giovani, a cui sono preclusi per vari motivi gli iter tradizionali, la possibilità di seguire una formazione adeguata alle loro capacità e che si avvicini il più possibile sul piano istituzionale, tecnico e personale all'offerta esistente della Scuola superiore medico-tecnica. A formazione ultimata i giovani disabili devono essere in condizione di mettere in pratica quanto appreso in un contesto integrativo.

Come previsto dagli articoli 14 capoverso 3, 16 e 17 della legge federale sull'eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili (LDis; RS 151.3) e dall'articolo 16 e seguenti dell'ordinanza sull'eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili (ODis; RS 151.31), la Confederazione può sostenere, accordando in particolare aiuti finanziari, programmi tesi a promuovere una migliore integrazione delle persone disabili. Negli ar­ticoli citati sono disciplinate pure le condizioni e la procedura di assegnazione degli aiuti finanziari.

Ai sensi dell'articolo 16 capoverso 3 LDis la Confederazione può sostenere progetti innovativi di organizzazioni attive a li­vello nazionale o in una regione linguistica, di Cantoni o di Comuni che promuovono l'integrazione nella società delle per­sone con disabilità. Ai sensi dell'articolo 17 LDis può inoltre sostenere progetti pilota d'integrazione professionale.

Quello della Scuola superiore medico-tecnica è un progetto a cavallo tra scuola e mondo del lavoro. Poiché l'articolo 17 LIDis non prevede ulteriori condizioni formali per i beneficiari di aiuti finanziari e dato che la Scuola superiore medico-tecnica di Lu­gano, in quanto istituto cantonale di formazione, soddisfa i re­quisiti di cui all'articolo 16 capoverso 3 LDis, si può entrare nel merito della domanda presentata in forma completa ed entro il termine previsto.

Mentre la scuola tiene conto, almeno in parte, delle particolari esigenze delle persone con disabilità, lo stesso non si può dire per i percorsi formativi. Soprattutto i disabili mentali spesso non hanno la possibilità di seguire una formazione che tenga conto delle loro esigenze particolari e apra loro prospettive sul mercato primario del lavoro.

Il progetto della Scuola superiore medico-tecnica intende col­mare questa lacuna. Grazie all'offerta formativa, che i respon­sabili hanno elaborato con grande impegno e che ora intendo­no sperimentare, si vuole dare alle persone diversamente abili la possibilità di seguire un iter formativo presso la Scuola su­periore medico-tecnica e di trovare in seguito un'attività pro­fessionale corrispondente. In caso di riuscita, questo progetto pilota potrebbe servire da esempio per altre offerte formative.

In considerazione di quanto precede, la domanda della Scuola superiore medico-tecnica di Lugano è accolta. Al progetto "Formazione di aiuto massaggiatore per persone diversamen­te abili" è accordato un aiuto finanziario di 115'000.-- franchi.

Fondazione Ina e Sandro Pelloni-Piattini

La Fondazione Ina e Sandro Pelloni-Piattini ha aderito al progetto di "Formazione di aiuto massaggiatore per persone diversamente abili" assicurando un contributo annuo di 10'000.-- franchi per i tre anni di durata dello stesso.

La Scuola superiore medico tecnica (SSMT) di Lugano-Canobbio, nella persona del Direttore Pier Pirotta, ringrazia la Fondazione per l'impegno preso a favore di questo progetto.

 

   

 

© Scuola superiore medico-tecnica di Lugano - Tutti i testi e la grafica presenti nel sito sono soggetti alle norme vigenti sul diritto d'autore.